Decertificazione – nuovo portale per le pubbliche amministrazioni

Home > Notizie > Dalla camera > Decertificazione – nuovo portale per le pubbliche amministrazioni
banner-verifichePA-226x102

banner-verifichePA-226x102Il principio della decertificazione, introdotto dalla legge di stabilità 2012 (art. 15 legge 183/2011) ha definitivamente imposto lo schema di riferimento per i rapporti tra cittadini e pubblica amministrazione, nell’ambito di procedimenti amministrativi. Secondo questa impostazione, le amministrazioni non hanno più alcuna possibilità di acquisire i dati necessari per la tenuta dei procedimenti attraverso la ricezione di certificati; questi sono infatti completamente privi di validità, se non nei rapporti tra privati. La documentazione di procedimento è composta da dichiarazioni sostitutive, che i cittadini rilasciano sulla base della loro responsabilità, e che le amministrazioni competenti sottopongono successivamente a verifica. Le pubbliche amministrazioni che per la verifica hanno necessità di accedere al Registro delle Imprese, hanno a disposizione un nuovo servizio telematico del sistema camerale: il portale VerifichePA.

Le modalità di fruizione del servizio, che sono descritte nella pagina di ingresso del portale, consistono in una registrazione tramite credenziali (user e password) che la pubblica amministrazione interessata ottiene fornendo i propri estremi di iscrizione all’Indice delle Pubbliche Amministrazionie la propria casella di PEC. Solo le richieste che non trovassero risposta nei servizi centralizzati per la decertificazionedevono essere rivolte alla Camera di Commercio competente. In particolare, i certificati “con dicitura antimafia”(art. 9 DPR 252/1998) non possono ancora essere ottenuti tramite il portale VerifichePAe dovranno essere richiesti all’Ufficio Registro delle Imprese.È inoltre attivo un servizio di assistenza telefonico dedicato, i cui riferimenti sono esposti nel sito VerifichePA, a cui le Pubbliche Amministrazioni possono rivolgersi per informazioni e supporto.