Messina (CCIAA): “Grave infortunio la concessione dell’aula Crescente per presentare il libro di Contrada”

Home > Notizie > Comunicati stampa > Messina (CCIAA): “Grave infortunio la concessione dell’aula Crescente per presentare il libro di Contrada”

Apprendo da organi d’informazione che il Polo universitario di Agrigento avrebbe concesso per il 25 gennaio l’aula universitaria intitolata a Luca Crescente a Bruno Contrada per la presentazione del suo libro.

Una decisione certamente inopportuna, di dubbio gusto, scandalosamente provocatoria se si considera, come ha detto il procuratore aggiunto della Dda di Palermo Vittorio Teresi, la distanza siderale tra Luca Crescente, magistrato della Procura di Palermo che per molti anni si è occupato della mafia agrigentina, e Bruno Contrada, condannato definitivamente per mafia. Mi rammarico profonfdamente per questo triste infortunio che rischia di trasmettere un segnale negativo che rischia di vanificare il lavoro e l’impegno costante che le istituzioni locali cercano di portare avanti nell’attività di contrasto alla criminalità organizzata e alla cultura mafiosa. Mi associo ai sentimenti della vedova del giudice Crescente e al suo accorato appello alla società civile “di elevare la sua voce per esprimere quel convinto dissenso che fa si che i cittadini possano assumere quel ruolo di controllo critico che delle democrazie moderne deve essere”.
Vittorio Messina