“Alzatevi” – presentazione della raccolta dei discorsi di Giovanni Paolo II ad Agrigento

Home > Sportello legalità > “Alzatevi” – presentazione della raccolta dei discorsi di Giovanni Paolo II ad Agrigento
alzatevi1

alzatevi1
Venerdì 3 maggio alle ore 10.30, presso il palazzo vescovile di Agrigento, sarà presentato alla stampa il volume che raccoglie i discorsi del Beato Giovanni Paolo II nel corso della sua visita pastorale dell’8 e 9 maggio 1993, in occasione del ventennale dello storico evento. Saranno presenti l’Arcivescovo di Agrigento, mons. Francesco Montenegro, e il presidente della Camera di Commercio, dott. Vittorio Messina. (vedi copertina)

Una cultura dell’iniziativa nella legalità

alzatevi2La Camera di Commercio di Agrigento è da anni impegnata nella realizzazione di una rete di servizi di supporto e di interventi di assistenza  alle imprese esposte a situazioni di illegalità. Obiettivo prioritario del progetto  “Sportello legalità delle CCIAA di Agrigento e Caltanissetta”, finanziato dal Fondo  Perequativo di Unioncamere – progetti 2011-2012, è quello di sostenere la diffusione della cultura della legalità tra i cittadini e le istituzioni del territorio, attraverso anche specifiche attività di sensibilizzazione e comunicazione. (vedi retro-copertina)

In questa direzione, proporre i discorsi pronunciati da Giovanni Paolo II nella sua visita pastorale ad Agrigento,, in occasione del XX° anniversario dello storico evento, e in particolare il ricordo delle parole pronunciate nel corso dell’incontro al Palacongressi con le forze sociali della provincia, significa indicare soprattutto alle giovani generazioni un’agenda di speranza scritta in una cornice valoriale dove la cultura della legalità sorregge l’ impegno per una ricostruzione morale, sociale ed economica della comunità locale.

In questa direzione, l’indimenticato anatema contro la mafia, che ha scosso profondamente le coscienze, rappresenta ancora oggi il segno di una inversione di rotta nei comportamenti di chi ritiene che il contrasto all’illegalità sia la risorsa più importante per un territorio che vuole uscire da una condizione di arretramento e sottosviluppo.

Per questo, la Camera di Commercio di Agrigento ritiene che il supporto dei protagonisti della vita sociale rimane indispensabile per mettere a fuoco i problemi e le sfide su cui misurarsi, nella prospettiva di fare emergere una nuova cultura del lavoro, capace di respingere ogni tentativo di prevaricazione e di pesante condizionamento delle regole del libero mercato che nel passato hanno costituito il terreno fertile per la criminalità organizzata e gli interessi mafiosi.

Con il massimo impegno, l’Ente camerale ha cercato, in questi anni, di non disperdere l’invito esplicito che il Beato Giovanni Paolo II ha rivolto alle forze sociali ed imprenditoriali della provincia, il 9 maggio 1993.

“E’ urgente – ammoniva il Pontefice – specie in una zona a forte tasso di disoccupazione, promuovere una cultura dell’iniziativa. A tal fine bisogna che si riscopra, specie tra le nuove generazioni, il gusto della creatività in ogni campo, compreso quello economico. Una prospettiva di crescita ha certo bisogno di adeguati supporti e di opportune facilitazioni strutturali, ma essa deve trovare in un atteggiamento culturale di apertura le sue motivazioni profonde. Una cultura dell’iniziativa necessita della promozione e più specificatamente di una cultura d’impresa”.

Certamente, tale prospettiva indicata da Giovanni Paolo deve trovare in un atteggiamento culturale di apertura le sue motivazioni profonde e a queste parole si ispira la Camera di Commercio di Agrigento nel tentativo di offrire il suo peculiare contributo allo sviluppo del territorio.