Summer School “GIÀ”: presentazione del Quaderno di Libera

Home > Sportello legalità > Summer School “GIÀ”: presentazione del Quaderno di Libera
summerschool

summerschoolLunedì 29 luglio 2013, con inizio alle ore 10,30, presso la Sala conferenze della Camera di commercio di Agrigento, sarà presentato il quaderno di Libera  che contiene gli atti della Summer School “GIÀ” sul tema: Innovare il territorio e diffondere l’imprenditorialità tra i giovani. Il riutilizzo sociale dei beni confiscati quale opportunità di sviluppo. Robadao – Naro (AG)  17/21 Settembre 2012.La pubblicazione contiene una selezione delle relazioni dei docenti partecipanti alla Summer School – promossa da “Libera” in collaborazione con l’Università di Palermo, il Consorzio agrigentino per la Legalità e lo Sviluppo, la Cooperativa “Rosario Livatino – Libera Terra”, il progetto “Policoro”, l’Arcidiocesi di Agrigento, l’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni confiscati, il consorzio “Arca” e la Camera di commercio di Agrigento.

 

L’iniziativa editoriale, che s’inserisce nel progetto “Sportello Legalità delle Camere di Commercio di Agrigento e Caltanissetta”, finanziato dal Fondo Perequativo di Unioncamere, contiene contributi di: Roberto Bertola, Carlo Borgomeo, Angelo Casile, Salvatore Costantino, Francesca Ferrandino, Valentina Fiore, Gaetano Mancini, Sandro Mauro, Vittorio Messina, Francesco Montenegro, Giuseppe Savagnone. 

Il coordinamento editoriale è stato curato da: Umberto Di Maggio, Umberto La Commare e Davide Pati, in collaborazione con Ludovica Ioppolo, Salvatore Pezzino e Francesca Rispoli. L’editing è della redazione della rivista Narcomafie.
“L’iniziativa editoriale – afferma il presidente della Camera di Commercio di Agrigento Vittorio Messina – che s’inserisce bene nel progetto Sportello Legalità, finanziato dal Fondo Perequativo di Unioncamere. rappresenta un valido strumento divulgativo per fornire risorse in termini di conoscenza a chi, in futuro, abbia voglia di scommettere sulla restituzione alla produttività di un bene confiscato alla criminalità organizzata”.