“Promozione di percorsi inerenti l’educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della mafia e della criminalità organizzata”

Home > Notizie > Comunicati stampa > “Promozione di percorsi inerenti l’educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della mafia e della criminalità organizzata”

Sabato 12 ottobre alle ore 10,00 presso la sala conferenze della CCIAA di Agrigento, il dirigente dell’ U.S.R.-Sicilia. Ufficio X. Ambito Territoriale per la Provincia di Agrigento – Settore sostegno alla persona ed alla partecipazione studentesca, dott. Raffaele Zarbo, e il presidente della Camera di Commercio di Agrigento, dott. Vittorio Messina, firmeranno il Protocollo d’intesa avente ad oggetto la “Promozione di percorsi inerenti l’educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile al contrasto della mafia e della criminalità organizzata”

 

I sottoscrittori del Protocollo d’intesa, al fine di contribuire alla lotta contro la mafia e la criminalità organizzata anche sul piano educativo e di agevolare i giovani nello studio e nell’approfondimento dei vari aspetti e manifestazioni del fenomeno, s’impegnano a promuovere nelle scuole siciliane una serie di iniziative tendenti a sviluppare la coscienza civile e democratica, mediante ogni attività utile ad una reale conoscenza del problema nelle sue implicazioni storiche, socio economiche, politiche e di costume.

Dopo la firma, Raffaele Zarbo e Vittorio Messina illustreranno ai rappresentanti della stampa i contenuti del documento che in particolare intende sostenere le iniziative studentesche, rivolte ai giovani e a tutti i cittadini sui temi della legalità, della solidarietà operativa, della partecipazione democratica e della sicurezza urbana, d’intesa con le Istituzioni competenti e le Associazioni interessate al fine di intraprendere ogni iniziativa utile di contrasto alla criminalità anche attraverso il sostegno all’iniziativa delle Istituzioni locali, delle Forze dell’ordine, degli altri apparati dello Stato.