Progetto CRIM-SAFRI – Convegni a Sciacca e Alessandria della Rocca il 20 e 21 ottobre

Home > Notizie > News Promozione > Progetto CRIM-SAFRI > Progetto CRIM-SAFRI – Convegni a Sciacca e Alessandria della Rocca il 20 e 21 ottobre
LOGO-WEB-CRIM-SAFRI

LOGO-WEB-CRIM-SAFRIIl progetto CRIM-SAFRI si propone la Creazione di un Centro di Ricerca Italo-Maltese per il trasferimento di soluzioni che favoriscono l’innalzamento dell’ecoefficienza dei sistemi produttivi locali e per la diffusione di pratiche ecosostenibili, con riguardo alla diffusione di pratiche legate all’energia e al risparmio energetico tra i cittadini di entrambe le aree del programma. Le attività prioritarie saranno: garantire una collaborazione attiva all’impresa per lo sviluppo  e il trasferimento di tecnologie eco-innovative di ausilio alla tutela di un profilo culturale  compatibile con gli strumenti urbanistici orientati alla sostenibilità.

Nell’ambito delle attività del Progetto di cooperazione transfrontaliera Italia-Malta 2007-2013: CRIM SAFRI, a SCIACCA presso il Palazzo Blasco del Comune lunedì 20 ottobre con inizio alle ore 9.30 avrà luogo un convegno sul tema Tecnologie alimentate da fonti rinnovabili, mentre ad ALESSANDRIA DELLA ROCCA, martedì 21 Ottobre alle 9,00 , avrà luogo un convegno con l’obiettivo di fare il punto sullo stato dell’arte del PATTO DEI SINDACI a livello nazionale ed in Sicilia. All’incontro, tecnici, operatori economici, funzionari pubblici e media. L’ANCI SICILIA (Associazione dei Comuni Siciliani) e numerosi Sindaci hanno confermato la loro presenza.
Le amministrazioni locali, in quanto livello governativo più vicino ai cittadini, sono chiamate ad affrontare le questioni inerenti il clima in maniera globale. Sempre più città accettano la sfida. Oggi sono circa mille le città che in Italia hanno aderito al Patto dei Sindaci, confermando il proprio impegno nel perseguire gli obiettivi fissati dall’Unione Europea. La sfida è senz’altro quella di dare vita ad un processo virtuoso che veda convergere tra loro gli obiettivi vincolanti assunti dai paesi membri dell’UE con quelli volontari assunti dai Governi locali.

Alcune città italiane hanno già redatto ed approvato nel proprio Consiglio Comunale il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (PAES) ma sono molte quelle che ancora devono assolvere questo importante compito assunto nell’ambito dell’adesione al Patto dei Sindaci. Con decreto del Dirigente Generale del Dipartimento dell’Energia n.413 del 04/10/2013, la Regione Siciliana ha approvato il Programma di ripartizione di risorse ai Comuni della Sicilia, al fine di “Promuovere la sostenibilità energetica-ambientale nei comuni Siciliani attraverso il Patto dei Sindaci.  Tuttavia, a questa iniziativa, che dovrebbe far arrivare 5 miliardi di finanziamenti europei in Sicilia, hanno aderito 256 Comuni siciliani (tra questi figura Alessandria della Rocca, ma solo 8 hanno depositato i Piani d’azione per l’energia sostenibile.

“La domanda di sostenibilità è stata recepita nei Paesi industrializzati come un’opportunità di cambiamento per definire una nuova economia  in grado di dare risposte all’attuale crisi economica soprattutto negli ambiti delle energie  rinnovabili e dell’efficienza e del risparmio energetico, nei quali sempre più si giocherà a livello planetario la sfida dell’innovazione e della competitività”.
Lo sostiene il presidente della Camera di Commercio Vittorio Messina che evidenzia l’importanza che assume per l’Ente la partecipazione al Progetto di cui è capofila l’Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente.

“Chiara è la consapevolezzaaggiunge Messinadi dare impulso ad una strategia che operi sul doppio versante dell’ottimizzazione nell’utilizzo delle principali fonti di energie rinnovabili e dell’innalzamento dell’efficienza e del risparmio energetico. Un’opzione che consente di favorire la crescita del territorio secondo paradigmi di sviluppo che ne aumentano l’attrattività e quindi la competitività”