IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE STRADALE DI CARBURANTI. CALENDARIO DEI TURNI ANNO 2015

Home > Notizie > News Regolazione del mercato e conciliazione > IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE STRADALE DI CARBURANTI. CALENDARIO DEI TURNI ANNO 2015

La Camera di Commercio, ai sensi dell’art. 3 del Decreto N. 597/Gab.  del 15 dicembre 2011 recante: “Nuove direttive per la predisposizione degli orari degli impianti di distribuzione dei carburanti”,  con Determinazione Dirigenziale N. 224 del 18/12/2014 ha approvato  per l’anno 2015 il Calendario dei turni, (scarica calendario) destinati ad assicurare la regolarità e la continuità del servizio durante le ore notturne, nelle giornate domenicali, nei giorni di festività e nei giorni di chiusura infrasettimanale degli impianti di distribuzione dei carburanti della provincia.

Si ricorda che,  ai sensi dell’art. 9 del suddetto Decreto, i gestori di impianti di distribuzione dei carburanti hanno l’obbligo di esporre presso ciascun distributore, in maniera ben visibile, il cartello,  predisposto e vidimato dalla Camera di Commercio territorialmente competente.

Ai sensi dell’art. 11 del suddetto decreto, le trasgressioni alle norme in esso contenute, sono sanzionate ai sensi dei commi 2, 7 e 8 dell’art. 22 della legge regionale 22 dicembre 1999. N. 28

I suddetti cartelli, relativi all’anno 2015, si possono ritirare, a partire dal 2 gennaio 2015,  presso l’Ufficio Distributori Carburanti, previa richiesta (scaricabile al link: Modulo Richiesta Cartelli IDC – 2015) ed  allegando l’ attestazione di pagamento  di € 10,00 (dieci/00) effettuato sul c.c.p. N. 273920 intestato alla Camera di Commercio di Agrigento, con la causale: diritti per ritiro cartello IDC.

Al fine di agevolare la consegna del Cartello, si può telefonare al N. 0922/490258 e fissare un appuntamento.

Il cartello deve essere ritirato dal titolare dell’impianto o, in alternativa, da persona diversa  munita di delega, con allegati i documenti di riconoscimento del delegante e del delegato.

Il suddetto Decreto stabilisce che il  servizio degli impianti di distribuzione dei carburanti,  dovrà osservare le seguenti discipline:

A) orario diurno

– il servizio dovrà essere svolto, ininterrottamente, dalle ore 7,00 alle ore 13,00 e dalle ore 15,00 alle ore 19,30. Nella fascia oraria compresa dalle ore 7,00 alle ore 20,00, tenuto conto del micro mercato di riferimento e della valutazione della relativa convenienza gestionale dei singoli impianti di distribuzione, il monte orario come sopra determinato può essere aumentato dal gestore fino a 65 ore settimanali, e comunque per un massimo di 13 ore giornaliere;

B) orario notturno

– dovrà essere mantenuto in servizio un numero di impianti non superiore al 5% del totale di quelli esistenti nel territorio provinciale interessato. Sarà osservato l’orario dalle ore 22,00 alle ore 7,00 del mattino;

C) domeniche e festività

– dovrà essere assicurato il servizio da parte del 20% degli impianti esistenti nel territorio comunale interessato. E’ data facoltà di consentire turni al 50%, ovvero al 33% o al 25%, nelle località ove risultino installati e funzionanti rispettivamente due, tre o quattro impianti di distribuzione di carburanti, nonché di esentare dai turni festivi gli impianti isolati. Tali impianti osserveranno il normale orario di cui al precedente punto A), e potrà essere garantito anche tramite l’utilizzo di apparecchiature self-service pre-pagamento;

D) riposo infrasettimanale

– il riposo infrasettimanale sarà effettuato nei giorni di lunedì e sabato. Durante i giorni di chiusura infrasettimanale del lunedì e del sabato dovrà essere assicurato il servizio all’utenza da parte di almeno il 20% degli impianti esistenti nel territorio comunale, che, in ogni caso, potrà essere garantito anche tramite l’utilizzo di apparecchiature self-service pre-pagamento.

I distributori che osserveranno la chiusura in una delle due giornate sono obbligati a rimanere aperti nell’altra.

Nel caso di festività infrasettimanale, la chiusura per riposo del lunedì e del sabato non avrà luogo. Nel caso in cui un impianto a causa di forza maggiore (svolgimento mercato, divieto di transito, etc.), sia costretto ad osservare due turni di chiusura nella stessa settimana, si deroga all’obbligo della chiusura infrasettimanale del lunedì o del sabato, spostando tale obbligo per il giorno in cui avviene la limitazione dell’esercizio dell’attività.